#ansia

Ansia: affannosa agitazione interiore provocata da bramosia o incertezza
             desiderio assiduo e tormentoso
             preoccupazione persistente
da “Il dizionario della lingua italiana”
Le Monnier

Ho aperto il dizionario chiedendomi se la mia costante frase “Sono in ansia” fosse solo un modo di dire o significasse realmente lo stato d’anima che più mi accompagna e mi disturba; la conferma tangibile di chi sono già alla prima parola.

Agitazione, tormento, preoccupazione, proprio quello che mi prende nei giorni peggiori, in cui anche solo scegliere di mangiare il riso al posto della pasta diventa “LA SCELTA DELLA VITA” come se da essa dovesse dipendere il tuo futuro e quello degli altri. No, non si sta bene così. In quei giorni tendi a demolire ogni piccolo passo fatto con la parte migliore di te, denigrando le scelte partorite con fatica, avvertendo forte il terrore che circonda il tuo destino, distruggendo le certezze che ti eri costruita con convinzione.

Ti rendi conto quanto tutto questo sia difficile da scacciare nel momento in cui ti intorti la testa per ogni minima cosa, quando tre o quattro cose idiote da scegliere si accavallano e te fondi, senti lo stomaco agitarsi, ti vien voglia di scomparire e ti blocchi. Così, ferma. Senti il cervello che nel frattempo è arrivato dall’altra parte del Mondo mentre te sei lì, in blocco, e niente e nessuno sa cosa farci.

La sola fortuna di tutto questo gran casino?

Essere riuscita a riconoscere il blocco, esserne consapevole e accettarlo; poi ti tocca anche sopportarlo finche non riesco a trovare la formula magica che faccia scomparire tutta questa ansia.

Ma quanto fatica inutile costa tutto ciò? Indicibile.

 

_MG_393.1.jpg

Advertisements

2 thoughts on “#ansia

  1. Credo che l’ansia sia il male più diffuso del secolo.
    Che sia il nostro stile di vita ad essere diventato talmente fuori dalla portata umana da renderci tutti in perenne stato d’ansia?
    Un saluto.

    Like

    1. Non darei la “colpa” esclusivamente al tempo in cui viviamo perché siamo esseri in evoluzione continua capaci anche di adattarsi (per la maggior parte delle volte), ma di certo è uno dei fattori che rende ancor meno gestibile la situazione 😊

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s